Peschiera – Colli Berici – PEschiera          tedesco

Pedalare in aprile a Peschiera e d’intorni. Punto di partenza per il Bike Hotel Enjoy. E in entrambi i giorni ci saranno di nuovo chilometri e chilometri – ed ci sono le giornate delle colline.

1° giorno: Abbiamo in programma di pedalare sulle orme del Veneto-Gravel, che si svolgerà una settimana dopo. Vogliamo fare i Colli Berici a sud di Vicenza – partenza Peschiera. E considerando i passaggi di ghiaia previsti, abbiamo scelto le nostre bici gravel per il giro – e abbiamo fatto bene…colli berici

Lunghezza: 200km/ 1200 Hm
Punto di partenza: Peschiera
Caratteristiche del percorso: strade, strade secondarie, sterrato, strade agricole,

GPX download     strava    relive

– Da Peschiera attraverso l’entroterra fino a Verona. Molto bello. Da Sommacampagna il traffico diventa un po‘ più intenso. Meno bello. Da Verona pedaliamo un po‘ su sterrato sull’ argine sinistra del fiume Adige.

– Attraverso diversi villaggi il percorso si snoda su strade per lo più secondarie: San Martino Buon Albergo, San Bonifacio, …. Se si percorre una strada più frequentata, c’è una bella striscia laterale che fa meno stressante la pedalata. E‘ prevalentemente pianeggiante, 78 km fino ai piedi dei Colli Berici.

– A Lonigo, gli ultimi chilometri, fino alla prima salita seria, conducono verso nord lungo su una bella pista ciclabile lungo il fiume Brendola. Finora non molto ghiaia ….

IMG-20190407-WA0005

– E ora sta diventando piú fatticoso. Una strada inizialmente asfaltata conduce in una piccola valle. Poi la ghiaia. Fortunatamente solo brevemente, poi di nuovo asfalto e ripidissimo. E nei d’intorni ciliegi … Bellissimo.

Poi … la mia felicità viene interrotta improvvisamente.

IMG-20190407-WA0007

Cani che abbaiano in una fattoria e fine della strada. Il sistema di navigazione non mostra chiaramente dove porta la strada. Aveva piovuto, il terreno era un po’ bagnato e le mie gomme si sono quasi incastrate nel fango. Un brutto tipo di fango. Si avvolge immediatamente intorno ai miei 35er copertoni, che sono un po ‚profilati e fra poco ho aumentato a 45 … Ruota come un Fatbike. Torno indietro e prendo la prossima strada – no sentiero. Spingo ma il suolo non e migliore di prima … Adesso ho le scarpe con tacco alto.

K640_20190406_120625

– Quando torno su un terreno solido dopo solo due 2 all’incirca, guidare è come guidare un’auto con pneumatici sbilanciati. Non c’è nient’altro per me, devo liberare le gomme e le scarpe faticosamente con un bastone dalle decimetri di strato terra.

– Ora il bel passaggio attraverso i Colli Berici. Su e giù per la natura. Per fortuna solo asfalto. Per il momento…

IMG-20190407-WA0004

– Ad un certo punto abbiamo raggiunto il punto più alto del tour. Siamo circa a meta‘ strada. E ora solo partenza. Sul Navi si riconosce una strada con molti serpentini. Hermann dice, ora potremmo migliorare un po‘ la nostra velocità media. Penso che, perché quello che ci aspetta ora, non me lo sarei aspettato nei miei sogni più sfrenati: una strada di sterrato, in parte attrezzata con pietre. Artificiale o naturale? Non lo so. In ogni caso un percorso per mountain bike. C’erano anche molti di questi, che guardavano con stupore le nostre bici da corsa. Velocità? Non c’è niente lì! Ma scenicamente un sogno!

IMG-20190407-WA0010

K640_20190406_134601

K640_20190406_134805

– Ai piedi del monte vicino a Costozza abbiamo raggiunto il margine orientale dei Colli Berici.

– Ora si torna a casa. All’inizio per chilometri su una pista ciclabile parallelamente alle Colli Euganei. Poi ancora strade secondarie. Avevo organizzata la nostra strada del ritorno con bikemap e ho anche permesso l’opzione strade sterrate. Questo ci ha portato qualche tratto molto interessante. Fortunatamente non a distanze maggiori, altrimenti sarebbe diventata probabilmente la notte prima del nostro ritorno. Poi di nuovo da villaggio a villaggio.

– Gli ultimi dieci chilometri prima di Verona pedaliamo sulla diga dell’Adige meridionale – su sterrato, ma per le nostre Gravelbike nessun problema.

– Da Verona decidiamo di prendere la stessa strada come all’andata. Chi vuole può anche tornare via Bussolengo e Sandá.

2° giorno: Il giorno successivo un tour per rigenerarsi….120 km attraverso le Colline Moreniche a sud del Lago di Garda e della Pianura Padana. Vedi qui.